venerdì 21 settembre 2018

Buon Compleanno Curvy World 💖

Quando nacque Curvy World, in Italia, la parola Curvy non esisteva. 
Cicciona, grassa, grossa, obesa, ponchia, balena, robusta, taglie forti, taglie grandi e "Signorine Grandi Forme" (quest'ultima era il nome della sezione, unica e sola, dedicata di OVS)... erano questi gli aggettivi da associare a chi già portava una taglia 46.

Ancora, sempre in Italia, la parola Curvy non era stata strumentalizzata e mi sembrò così carina, così "oltre oceano", fresca, nuova, interessante.
Fu così che decisi di creare questo blog e di dargli questo nome. Settembre 2011, si proprio 7 anni fa, decisi di creare un "mondo" dove tutte le Curvy italiane potevano ritrovarsi, potevano confrontarsi e soprattutto potevano cominciare a capire, che c'era qualcosa oltre ad un aggettivo, carino o meno.

Nel nostro bel paese il mio era il secondo/terzo blog, per mia conoscenza, a tema! Nessun brand italiano aveva la sezione Curvy, solo OVS ne aveva una e la chiamava così come vi ho scritto prima e, oltre ai più famosi (e costosi) brand italiani di sempre, Elena Mirò e Fiorella Rubino, nessuno si era mai interessato al tema.

Dopo un paio d'anni nacquero poco a poco tantissimi altri blog dedicati, grazie al nostro "lavoro" questo mondo cominciò a prendere piede e anche, finalmente, "da noi" qualche brand cominciò a prenderci in considerazione.
I primi furono quelli inglesi, poi americani e, quando già avevamo le nostre followers affezionate, anche i brand italiani cominciarono a voler collaborare con noi.

Questo "movimento" si fece spazio, pian piano, e cominciò a farsi notare. Dopo alcuni anni spuntarono fuori nuovi brand italiani, e non, dedicati, la gente cominciava a conoscerci e di conseguenza ad avvicinarsi a questo mondo.

Ma ovviamente questa cosa cominciava ad essere un po' scomoda... l'Italia non si era mai interessata alle ciccione e tutto questo "trambusto" generò confusione.

Quando eravamo più unite, io e le altre blogger che si dedicavano alla moda Curvy, eravamo molto più forti, ci facevamo sentire molto di più, ma poi tra interessi personali, economici, mistici, tutto si ruppe e ritornammo ad essere "sole".

Nel frattempo non solo la moda, ma anche i media, cominciarono a parlare di "noi" ma mai, o quasi, come avrebbero dovuto.
E fu così che la parola Curvy cominciò ad essere utilizzata solo ed esclusivamente in un determinato modo, modo in cui non poteva più appartenere alle persone che in primis avevano portato a conoscere questo mondo.

I temi principali del "nostro" movimento furono messi da parte e invece di promuoverli furono sostituiti con altri.
Perchè era nato Curvy World? (E di conseguenza gli altri blog dedicati?) Per dare una mano a chi, in Italia, sentiva di non aver spazio, e non parlo solo di moda, ma anche di vita.

I blog Curvy nascevano, poco a poco, per dare la possibilità alla popolazione non magra di potersi vestire e soprattutto vedere in un modo diverso da quello in cui era stata abituata.
Moda, Autoaccettazione, Amor proprio... questo doveva emergere e questo doveva, oggi dopo 7 anni, essere il vero significato del movimento Curvy in Italia. Ma no, non è stato così, purtroppo.
Appena questa parola è stata presa in mano "dai potenti" si è subito trasformata in altro.
Al giorno d'oggi, la parola Curvy significa: Donna formosa che si prende cura di se e che non è proprio magra ma non è neanche grassa. Che ci può anche stare eh, ma non è solo quello!

Gli haters, quelli che comunque vogliono inveire contro, quando si pronuncia la parola Curvy vanno su google e riportano la traduzione dall'inglese FORMOSA e formosa significa, sempre per loro, con le forme al punto giusto.
Qual è questo "punto gisuto"?
Tette e culo.

Sei VERAMENTE CURVY solo se hai tette e culo. 
Le altre sono solo persone grasse che non hanno il diritto di essere Curvy.
Le altre, quelle che oltre alle tette e al culo formoso c'hanno la panza e le cosce, quelle no, quelle sono solo grasse, malate, che mangiano a sbafo e non fanno nulla per la loro salute. Chiamatevi plus size, obese, ciccione ma NO CURVY.

Ed ecco che la non felicità dell'italiano medio trova sfogo in un nuovo mondo!

E così la TV (e tutti i media ovviamente) ha di nuovo pane per i suoi denti, fa finta di parlare della rivoluzione per poi però parlare sempre e solo di diete, di salute e portando a conoscenza solo casi particolari o fenomeni da baraccone.

Adesso, perchè oggi vi scrivo di tutto questo?
Perchè qualche giorno fà questo blog ha compiuto 7 anni e, ancora oggi, mi ritrovo a parlare con voi sempre e solo tramite i miei canali social. Ma così io come le mie "colleghe spravvisute".

Non ci invitano da nessuna parte, non parlano quasi mai di noi, non esistiamo. E non è perchè non ci mettiamo anima e corpo in questa "battaglia" ma semplicemente perchè siamo personaggi scomodi, non siamo ne donne con particolari problemi di salute ne fenomeni da baraccone, quindi meglio non farci emergere perchè se no creiamo scompiglio.

Io personalmente non sono mai stata invitata ad una sfilata, neanche a tema Curvy, bugia, mi hanno invitato una o due volte ma non avevo i soldi per affrontare le spese, che ovviamente erano a mio carico.
In tutti questi anni ho collaborato con molti brand, ma da lontano, con il minimo sforzo. Esistiamo, ci facciamo sentire sui social e serviamo solo per quella sporadica pubblicità, stop.

A mio parere, sempre in Italia, una persona Curvy, ma non a modo loro, non potrà mai realmente farsi sentire in modalità estesa, in Italia una blogger Curvy non diventerà mai realmente una influencer, una persona da prendere realmente in considerazione.

Ma per fortuna, nonostante tutto, sappiamo che il nostro "lavoro" serve e viene seguito, anche in silenzio, e questo, almeno personalmente parlando, mi basta.

Mi basta ricevere i vostri messaggi privati, leggere i vostri commenti e vedervi brillare gli occhi quando per caso ci si incontra. Mi basta sapere di essere realmente utile... REALMENTE
Il mondo reale mi segue, supporta e ha bisogno di me ed io continuerò fino a quando potrò farlo.
Buon compleanno Curvy World.